Home » Tennistavolo: il punto della situazione delle squadre sarde nei campionati nazionali

Tennistavolo: il punto della situazione delle squadre sarde nei campionati nazionali

by Redazione

A1 Maschile: Tennistavolo Norbello sempre più in alto

Altri due punti a sensazione e importantissimi in chiave salvezza per il Tennistavolo Norbello guidato da Catalin Negrila, capace di imporsi sul campo di Reggio Emilia dopo una sfida molto appassionante dove i due stranieri Yaroslav Zhmudenko e il cubano Moises Campos Valdes ottengono altre due doppiette. Il pongista ucraino si mantiene imbattuto dopo sei singolari disputati mentre il giovane cubano non solo ha la meglio su Crotti, ma riesce pure ad imporsi su un Seretti che ha avuto quattro match point a disposizione per regalare almeno un pareggio ai padroni di casa. I giallo blu ora occupano la seconda piazza alle spalle del Top Spin Messina.

Oyetayo Shola

Stop casalingo per la Marcozzi

L’Aon Milano Sport va a vincere sul campo della Marcozzi Cagliari nel posticipo della quarta giornata. I padroni di casa partono bene con il punto del portoghese Diogo Miguel Ferreira De Carvalho ma a seguire devono sottostare alla giornata “sì” di Matteo Mutti che sconfigge lo stesso luisitano e il nigeriano Makanjuola Kazeem. Su un totale di sette parziali disputati ben cinque li chiude a suo favore ai vantaggi. Dopo la sconfitta Guo Ze il marcozziano Antonino Amato, non ancora ripresosi totalmente da un infortunio ha dovuto lasciare il posto al suo compagno Massimo Ferrero che si deve inchinare all’ex Alessandro Baciocchi.

A1 femminile: va al Tennistavolo Norbello la gara tutta sarda

Il derby isolano della disperazione se l’aggiudica il Tennistavolo Norbello che così lascia l’ultima posizione, scavalcando proprio il Quattro Mori Cagliari. I primi punti stagionali giungono dopo una prova eccellente di squadra perché vanno a segno tutte e tre le protagoniste. La greca Katerina Toliou riesce ad imporsi sia su Andreea Clapa, sia sull’ex Wei Jian. La sino-muraverese perde anche con l’italo ungherese Krisztina Nagy. Primo successo stagionale anche della sudamericana Caroline Aiko Kumahara che vince su Clapa. Nel team di via Crespellani continua a fare ottima impressione la romena Tania Maria Plaian che su otto gare disputate ha perduto solo il singolo disputato nel recupero di Castel Goffredo due giorni prima della contesa nel Guilcer. In quella circostanza si è dovuta arrendere alla forte Maria Xiao ma ha strappato il punto della bandiera alla ispanica-cinese Zhang Xu Xuan. Nulla da fare per le sue compagne di squadra con la sola Wei Jiean che è riuscita a reggere sino alla quinta frazione opposta a Monfardini.
Il club castellano guida la graduatoria con ben tre punti di distacco sulla Polisportiva Bagnolese.
Si riprende il 12/13 marzo 2021.

Il derby di A1 femminile a Norbello

A2 Maschile: avanza la Marcozzi

Piega il Pieve Emanuele e riaggancia in vetta il Castel Goffredo, fermato sul pari dall’Apuania Carrara. Il sodalizio marcozziano va a segno con una doppietta di Maxim Kuznetsov che in tre set domina Paoletti, mentre nel quarto e ultimo match in programma deve tenere a bada un Tatulli che vinceva per 1-2. Stefano Curcio non incontra ostacoli nel match contro Palumbo e fa bella figura anche il nigeriano Shola Oyetayo che in proposito si esprime così: “Sono molto soddisfatto della gara che ho disputato contro Tatulli, superato al quarto parziale. Continuando con questo bel gioco di squadra ritengo che il mantenimento del primo posto in graduatoria possa essere alla nostra portata. I miei compagni Maxim e Stefano mi hanno colpito parecchio per il loro atteggiamento dentro e fuori dal campo, insieme formiamo un gruppo affiatato. Io continuerò ad impegnarmi perché sento che questa potrebbe essere la stagione ideale per fare qualcosa di meglio rispetto al passato. A me piacciono le sorprese, mi aspetto di tutto e intanto dedico la vittoria al presidente Raffaele Curcio”.

Sfida interna alla Muraverese

Serie B2 Maschile: nella città di Muravera tra derby e contro-derby

Si anima finalmente anche il girone H della B2 con la Sardegna che viene rappresentata con tre formazioni del Sarrabus. E in casa Muraverese si comincia proprio con il derbissimo di famiglia. Parola a Michele Buccoli, uno dei sei protagonisti, militante nella Muraverese B.

“La sconfitta di sabato è stata la meno amara della mia carriera perché ha interrotto il digiuno dall’attività agonistica durato un anno. L’incontro ha dato avvio ad un campionato che potrebbe apparire privo di mordente in quanto ben tre formazioni si sono ritirate, tre delle cinque squadre iscritte appartengono allo stesso paese, Muravera, e nessuna delle compagini rischia la retrocessione.
Dettagli atipici e inediti rispetto alle stagioni cui siamo abituati, ma sicuramente di secondo piano in confronto al fatto che si possa finalmente giocare, soprattutto durante un periodo come questo, in cui lo sport rappresenta un’importante valvola di sfogo e un’occasione per socializzare come solo noi pongisti sappiamo fare, ovviamente nel rispetto delle norme anti-covid.
Nonostante le uniche nostre due vittorie siano state le mie (incontro conclusosi 5 a 2 per la Muraverese A), i miei compagni sono stati capaci di mettere in difficoltà gli avversari, soprattutto Andrea Piras che ha esordito in B2 con una distinta prestazione contro Riccardo Lisci, non riuscendo, purtroppo, a vincere il match per un pelo, peccando in qualche frangente di esperienza, uno dei più importanti attributi che appartengono sia a Lisci, sia a Riccardo Dessì, l’altro giocatore con il quale si è confrontato. Contro Dessì, Andrea è entrato in campo con meno testa e cattiveria rispetto a quanto fatto nella partita precedente e nonostante sia stato capace di crescere d’intensità durante lo scontro, non è riuscito ad imporre il proprio gioco subendo la tattica dell’avversario. Due risultati, a mio parere, negativi soltanto sulla carta poiché sono state due buone performance alimentanti la mia convinzione che Andre in futuro possa togliersi diversi sassolini dalla scarpa, prendendosi varie soddisfazioni.
Francesco Lai non era al top della forma, il suo valore ci è noto e spero che possa riprendere smalto durante il proseguo del campionato. Nonostante ciò, anche lui ha messo in difficoltà sia Marcello Porcu, sia Riccardo Lisci, senza però riuscire a vincere i due incontri. Per quanto riguarda me, credo di aver giocato in modo discreto; ritengo di avere margine di miglioramento e che possa divertirmi in queste poche gare di campionato. In conclusione, credo che gli avversari ci siano stati superiori nel complesso, onore a loro. Ma credo anche che con un po’ di cattiveria in più e gestendo meglio alcune situazioni, il risultato finale avrebbe potuto essere diverso, azzarderei a dire anche a nostro favore. A dimostrazione del fatto, due delle partite da noi perse (Lai-Porcu, Piras-Lisci) si sono concluse al quinto set, portando il risultato a loro favore”.

Il Muravera TT

Dopo la vittoria tra fratelli, l’indomani la Muraverese A coglie il secondo successo con i “cugini” del Muravera TT.

L’analisi di Riccardo Lisci: “Esattamente dopo dodici mesi, non è stato per niente facile tornare all’agonismo, ma di certo è stato piacevole sentire nuovamente quel brivido che si prova quando sei ad un passo dalla possibile vittoria o sconfitta. Certo, poi è tutto un po’ strano, rivedere gli amici di una vita e non potersi neanche stringere la mano fa male, ma purtroppo ci stiamo abituando anche a questo. È stato un week end davvero duro dal punto di vista sportivo perché due derby così intensi nel giro di poche ore difficilmente potranno ripetersi.
Io e Riccardo Dessì tutto sommato stiamo bene, non accusiamo troppo la stanchezza, mentre Marcello Porcu è davvero in precarie condizioni per via di un dolore al piede che lo sta condizionando nell’ultimo periodo.
A scendere in campo per primo è Marcello contro Simone Boi, e proprio sul finale del quinto set un movimento brusco riacutizza il dolore al piede, riesce incredibilmente a chiudere con la vittoria e poi è costretto al ritiro negli altri due incontri. Riccardo perde prima con Marco Sarigu e poi anche con Nicola Pisanu, mentre io dopo la tripletta del sabato sera riesco nell’impresa di farne un’altra, direi clamorosa poiché negli ultimi anni già mi capitava raramente di realizzarne, se poi consideriamo la stanchezza e il valore degli avversari è davvero per me un risultato incredibile.
Con i miei tre punti e uno di Marcello ci ritroviamo sul quattro pari, dopo cinque ore di gara nonostante i due match non disputati. Scendono in campo Dessì e Boi ai quali spetta il compito di scrivere il finale. Ovviamente, visto l’andamento generale, non poteva che chiudersi al quinto set anche quest’ultimo incontro e per fortuna, a nostro favore. Oltre ad aver riassaporato il gusto della vittoria, conta di più aver rivissuto lo spirito sportivo al quale eravamo abituati e che ci è mancato davvero tanto.
Purtroppo, questo campionato sarà una breve parentesi in un periodo così difficile e di sofferenza per tutti. Mi auguro che si possa tornare alla normalità al più presto, perché quello che manca di più e che contraddistingue il nostro sport è il terzo tempo, la tanto amata pizzata a fine partita. Buon Tennistavolo!”.

Le partite del week-end

In attesa che A1 maschile e femminile riaprano i battenti a metà marzo, ci si consola con le serie nazionali inferiori.

In A2 la Marcozzi difenderà la prima posizione dagli attacchi del Genova Cervino che la segue ad un punto di distanza (sabato 27 febbraio 2021 h. 20:30).

Ritorna in campo anche la Libertas Sassari nel girone B della B1: sempre il 27 sarà di scena sul campo del Cus Torino.

In occasione della discesa in Sardegna del Cral Roma, le tre sarrabesi della B2 si alterneranno nelle sfide con i capitolini. Si comincia sabato pomeriggio con la Muraverese A (16:45). Domenica 28 febbraio alle 10:00 è il turno della Muraverese B. Alle 15:00 terza e ultima fatica al cospetto del Muravera TT.

 

Fonte e foto interne: Ufficio stampa FITET Sardegna
Foto copertina: Paolo Giorgio

You may also like

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More