Home Calcio Si riparte dopo la sosta: per la capolista Carbonia ostacolo Li Punti

Si riparte dopo la sosta: per la capolista Carbonia ostacolo Li Punti

by Redazione

I sassaresi sulla strada dei freschi vincitori della Coppa Italia. In trasferta anche il Castiadas a Gavoi col Taloro e l’Ossese a Cagliari con la Ferrini

Riprende dopo la sosta della settimana scorsa per la finale di Coppa Italia, il campionato di Eccellenza regionale con le gare valide per la sesta giornata di ritorno. La capolista Carbonia (fresca vincitrice  della Coppa) sarà impegnata sul non facile campo del Li Punti Sassari. I minerari dovranno fare attenzione ad una squadra che quando gioca davanti al proprio pubblico spesso e volentieri è in grado di mettere in difficoltà qualunque avversario , anche se in questa occasione dovranno fare a meno del loro uomo più rappresentativo, l’attaccante ex Sorso Altea, fermato dal giudice sportivo. Gara non semplice neppure per l’immediata inseguitrice Castiadas, di scena a Gavoi contro il Taloro. I gavoesi di Mario Fadda sono impegnati nella lotta per evitare la retrocessione diretta e sanno di non potersi permettere passi falsi, e proveranno con l’aiuto dei propri calorosi sostenitori,  a fare lo sgambetto ad un avversario sulla carta più forte. Trasferta difficile per l’Ossese, terza forza del torneo, che giocherà  a Cagliari contro la Ferrini. I cagliaritani dopo avere attraversato un periodo negativo sul piano dei risultati, sembrano essere in una fase di decisa crescita, e le belle vittorie contro Ghilarza e La Palma Monte Urpinu ne sono un’ampia dimostrazione. I bianconeri invece dovranno dimostrare che lo stop casalingo subito prima della sosta contro la Nuorese non ha lasciato strascichi sul piano psicologico.

A proposito di Nuorese i barbaricini domani incontreranno tra le mura amiche la Monastir Kosmoto, altro avversario da non sottovalutare. I campidanesi sono ancora  imbattuti nelle prime cinque giornate del girone di ritorno,  e due settimane fa hanno fermato la marcia dell’Atletico Uri, che aveva vinto sette gare di fila. I barbaricini vogliono blindare la loro posizione in chiave playoff e puntano sulle qualità dei loro uomini migliori (gli esperti  attaccanti  Mauro Ragatzu e Luca Caboni su tutti) per portarsi a casa l’intera posta. Impegno sulla carta non impossibile per l’Atletico Uri che ospita il fanalino di coda La Palma Monte Urpinu. Gli uresi reduci dalla doppia delusione campionato- Coppa (sconfitte contro Monastir Kosmoto e Carbonia), non hanno ancora rinunciato alla possibilità di entrare a far parte delle squadre che disputeranno i playoff. I cagliaritani invece non riescono proprio a decollare e nemmeno la cura del nuovo allenatore Graziano Mannu sembra aver prodotto effetti importanti. La situazione però non è ancora irrimediabilmente compromessa, anche se è chiaro che occorrerà cominciare a fare punti per dare corpo alle possibilità di evitare la retrocessione diretta. Scontro diretto in chiave salvezza tra Bosa e Ghilarza. I bosani in casa spesso e volentieri hanno conquistato risultati importanti (hanno fermato tra l’altro la capolista Carbonia) e domani hanno la possibilità di compiere un passo importante verso la conquista della salvezza diretta. Il Ghilarza invece è un’altra formazione che non ha saputo trarre alcun vantaggio, almeno per il momento, dal cambio di allenatore. Gli oristanesi navigano addirittura in terz’ultima posizione e sono staccati una sola lunghezza dalla retrocessione diretta,  domani dovranno perciò cercare quantomeno di non perdere per sperare di uscire dalla brutta situazione in cui si trovano. Completano il programma le gare San Marco – Guspini (punti salvezza importanti in palio per entrambe) e Arbus- Porto Rotondo, quest’ultimo match vede favoriti sulla carta i padroni di casa.

STEFANO SERRA 

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More