Home Calcio Sfide da non sottovalutare per le corazzate Carbonia e Castiadas

Sfide da non sottovalutare per le corazzate Carbonia e Castiadas

by Redazione

L’Ossese torna a giocare in casa,  avversaria la San Marco di Assemini. La Nuorese del dopo Prastaro riparte da Guspini

La settima giornata di ritorno del campionato di Eccellenza regionale, in programma domani, vedrà   la capolista Carbonia  impegnata in casa contro la Ferrini, mentre la sua più immediata inseguitrice il Castiadas sfiderà anch’esso tra le mura amiche l’ostico Atletico Uri. I minerari sembrano avere trovato i ritmi giusti e anche nelle giornate non particolarmente brillanti dal punto di vista del gioco, riescono a trovare sempre la chiave giusta per scardinare qualsiasi resistenza da parte degli avversari. La Ferrini è in ripresa (sette punti conquistati nelle ultime tre partite) e sicuramente giocherà questa sfida con la tranquillità di chi non ha nulla da perdere, anche se è evidente la differenza soprattutto tecnica con la prima della classe(da non dimenticare inoltre che il Carbonia ha vinto tutte e tre le gare giocate in questa stagione, le due in Coppa Italia e l’andata in campionato). Forse più arduo il compito del Castiadas, perché l’Atletico Uri ha vinto sette delle ultime otto partite e  ha un attacco che va a segno con grande facilità , 42 gol realizzati , il terzo del torneo. Non sarà semplice insomma per i sarrabesi che dovranno sicuramente esprimersi al meglio delle loro capacità ed evitare sbavature difensive,  per portarsi a casa l’intera posta.

L’Ossese torna a giocare in casa,  avversaria la San Marco di Assemini. I bianconeri sette giorni fa hanno disputato una bella partita sul campo della Ferrini, portando a casa un importante punto e mantenendo l’ottimo terzo posto alle spalle delle due corazzate Carbonia e Castiadas. Domani l’undici di Cantara ha le possibilità per tornare alla vittoria anche perché l’avversario non sembra di quelli particolarmente impegnativi. Diversi scontri importanti invece nella lotta per la conquista della salvezza diretta e delle posizioni migliori in chiave playout. Il Ghilarza ospita il Li Punti Sassari, gara che gli oristanesi affronteranno col morale alle stelle dopo l’importante successo di domenica scorsa sul campo del Bosa che gli ha consentito di agganciare il Guspini al quart’ultimo posto e di interrompere una preoccupante serie negativa di quattro sconfitte nelle ultime sei partite. Altri tre punti darebbero alla squadra di Massimiliano Pani la possibilità di avvicinarsi all’avversario diretto, attualmente al decimo posto e quindi senza problemi di classifica.

Porto Rotondo e Taloro si sfideranno in un match che definire importantissimo sarebbe riduttivo.  I galluresi terz’ultimi,  e i gavoesi penultimi, hanno assoluta necessità di conquistare punti e  per chi dovesse uscire sconfitto, le conseguenze sarebbero sicuramente non di poco conto. Gara difficile per il Guspini che ospita una Nuorese arrabbiata per l’incredibile ko casalingo di sette giorni fa contro la Monastir Kosmoto, che ha portato anche alle dimissioni del tecnico Antonio Prastaro (sostituito dal direttore sportivo Gianluca Peddio). Ma i minerari debbono pensare soprattutto a se stessi e a cercare di sfruttare al meglio il turno casalingo, altrimenti la loro posizione di classifica, già delicata, si aggraverebbe ulteriormente in caso di nuovo  passo falso. Gara da non sbagliare invece per il La Palma Monte Urpinu che riceve la visita del Bosa. I cagliaritani, fanalino di coda,  non hanno alternative diverse dalla conquista dell’intera posta, altrimenti vedrebbero allontanarsi tutte le avversarie dirette nella lotta per evitare la retrocessione diretta in Promozione. Chiude il programma Monastir Kosmoto – Arbus, gara dove i padroni di casa partono con i favori del pronostico.

STEFANO SERRA

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More