Home Calcio Olbia, non era il momento di fare altri calcoli: contava solo vincere

Olbia, non era il momento di fare altri calcoli: contava solo vincere

by Redazione

Tre punti d’oro per il rilancio in una gara intensa che i bianchi hanno fatto loro graffiando l’avversario nel loro momento di maggior controllo

Oscar Brevi, alla presentazione del match è stato chiaro. Lapidario senza mezzi termini. Conta solo la vincere. Dopo oltre cinque mesi, ecco finalmente che arriva la tanto attesa vittoria. 2-1 alla Carrarese di Silvio Baldini, in rimonta dopo lo svantaggio firmato Pasciuti. Sembra la classica partita stregata per i galluresi (tanto per cambiare.) Perché, soprattutto nelle ultime tre uscite stagionali l’Olbia ha mostrato di avere le caratteristiche per lottare fino alla fine per la salvezza (perlomeno attraverso i play-out). Ed invece; La Rosa come sempre autentico leader in campo, mostra sempre muscoli , polmoni. Abnegazione in quello in cui e maggiormente capace; ossia timbrare il pareggio. con una gran punizione ad inizio ripresa.(al quinto sigillo stagionale da difensore è tanta roba.) Fino al definitivo 2-1 del, si spera; ritrovato bomber Andrea Cocco e tre punti vitali, che servono per acquisire maggiore consapevolezza che tutte le partite a questo punto della stagione vanno giocate al massimo,tralasciando i calcoli in classifica, (ancora deficitaria) ma con vista meno pesante. Sperando che possano dare valore a tutti quei pareggi maturati in precedenza.

Una gara sostanzialmente intensa, che i bianchi riescono a far suo graffiando l’avversario sostanzialmente nel momento di maggior controllo dei toscani. Ma questo è quello che la squadra di Brevi deve fare, imparare a soffrire e lottare magari prendendo cazzotti; ma rimanendo in partita.  Dimostrandosi pericolosi con le proprie caratteristiche e cercando di portare maggiori uomini in area di rigore aggredendo il pallone proprio come fosse l’ultimo. Le cose positive da annotare senza dubbio; il ritorno al goal di Andrea Cocco, buonissimo giocatore di qualità. Purtroppo a Pescara e gli infortuni l’hanno decisamente frenato, ma se ritrovato può essere assieme ad Ogunseye, un’arma fondamentale per la salvezza ancora difficilissima. Ma non bisogna arrendersi, mattoncino dopo mattoncino le speranze potrebbero aumentare. Non bisogna assolutamente fermarsi e sprintare ogni domenica.

MARCO LOCCI

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More