Home Calcio Olbia, Canzi: “Consapevoli del momento”

Olbia, Canzi: “Consapevoli del momento”

by Redazione

Domani si torna in campo. L’Olbia sarà di scena al “Breda” di Sesto San Giovanni per andare a caccia delle prime gioie stagionali. Avversario di turno, la Pro Sesto del mister Francesco Parravicini per un’altra durissima battaglia alla quale l’Olbia arriva dopo tre sconfitte consecutive.

Come si è lavorato in questi giorni? “Visto il poco tempo a disposizione tra una partita e l’altra – è l’incipit del mister Max Canzi in conferenza stampa – chiaramente c’è più possibilità di lavorare sulla testa che non direttamente in campo. Fondamentalmente ci siamo allenati solo ieri e oggi torneremo in campo per la rifinitura. Il tempo non è tantissimo, ma è sufficiente per spiegare e far capire dei concetti che sono emersi durante l’ultima partita. Bisogna essere consapevoli della situazione complicata che ci fotografa la realtà delle cose, ma anche del fatto che la strada intrapresa è quella giusta”. 

La Pro Sesto è una squadra storica della categoria alla quale ha fatto ritorno dopo 11 anni di assenza. E all’impegno contro i bianchi arriva peraltro galvanizzata dal primo successo stagionale: “È una squadra – spiega Canzi – che si porta dietro un grande entusiasmo, un avversario concreto, senza fronzoli e di buon ritmo che dispone anche di una discreta qualità. Simile alla Pro Patria? Sì, direi di sì, anche se le implicazioni tattiche saranno diverse“.

Nel post gara con la Pro Patria il tecnico dei bianchi aveva commentato le difficoltà avute nel produrre pericoli offensivi all’avversario. Sollecitato, il mister torna sull’argomento: “Se in tre partite si è fatto solo un gol su palla inattiva, è evidente che c’è da lavorare e da migliorare. Contro la Pro Patria abbiamo fatto la partita tenendo il pallino del gioco, ma non siamo stati efficaci. Le soluzioni tentate non hanno sortito effetti, evidentemente c’è da cambiare qualcosa“.

Sinora l’unico a non aver rifiatato tra gli attaccanti è stato Cocco. “Andrea è un giocatore molto importante per noi, sia per il valore tecnico che esprime sia per il peso positivo che porta all’interno del gruppo. Le partite ravvicinate ci stanno imponendo naturali avvicendamenti. Oggi, dopo la rifinitura, tracceremo una riga e vedremo chi sta meglio e ha più energie da spendere in campo“.

In chiusura una domanda su Pennington, apparso in questo avvio tra i più positivi: “È un giocatore che conosco molto bene avendolo allenato per due anni a Cagliari. La continuità di rendimento è un’arma importante perché si lega in maniera ottimale a un’intelligenza che si riflette anche nella scelte tattiche in campo“.

Fonte: olbiacalcio.com

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More