Home Basket La Dinamo scherza col fuoco ma alla fine sbanca il parquet della Virtus Roma imponendosi 93-88

La Dinamo scherza col fuoco ma alla fine sbanca il parquet della Virtus Roma imponendosi 93-88

by Redazione

I biancoblù sciupano un vantaggio di 19 punti giocando gli ultimi 20’ con più difficoltà del previsto ma sfrutta il maggior tasso tecnico per passare al PalaEur

VIRTUS ROMA: White 12, Kyzlink 17, Rullo 4, Barford 13, Webster 7, Buford 14, Pini 4, Baldasso ne, Alibegovic 17, Farley ne, Spinosa ne, Cusenza ne. All.: Bucchi

DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Vitali 15, Pierre 4, Spissu 10, Smith 6, Evans 23, Bucarelli ne, Devecchi ne, Coleby, Magro ne, Bilan 22, Gentile 13. All.: Pozzecco

PARZIALI: 19-24, 35-54, 62-73

La Dinamo ritrova il sapore delle sfide di LBA trentaquattro giorni dopo l’ultima gara giocata, era il 2 febbraio e a Trieste il Banco perse con un tiro allo scadere dell’ex Juan Fernandez. Il match con la Virtus Roma, rigorosamente a porte chiuse il PalaEur questa sera, segna il debutto stagionale in Italia di Jaime Smith, rientrato in Sardegna pochi giorni fa dopo l’esperienza turca al Bandirma. Coach Pozzecco riparte con tutti i suoi ragazzi a disposizione, unico fuori dalle rotazioni l’uomo di coppa Paulius Sorokas, per coach Bucchi le novità nel roster sono il neozelandese Corey Webster, alla prima italiana, e Jaylen Barford approdato nella capitale dalla VL Pesaro, non a referto tra i dodici Davon Jefferson infortunato.  Il Banco attacca subito l’area e firma con Bilan ed Evans i primi sei punti, reazione Virtus con i canestri di Buford e Alibegovic ma la Dinamo allontana subito i padroni di casa. Miro Bilan è implacabile nel pitturato (5/5), dieci dei 16 punti realizzati sono suoi, è +5 dopo 6’. Poz ruota i suoi e manda in campo Coleby e Smith, Roma resiste e risale fino al -2, Miki Vitali sulla sirena chiude al 10’ sul 19-24. Evans firma il momentaneo massimo vantaggio (+8) dall’arco, due sanguinose palle perse favoriscono il rientro dei padroni di casa, timeout immediato di Poz che striglia i suoi (25-29). Cambia volto il Banco: tre triple di Stefano Gentile e la solidità offensiva di Dwayne Evans scavano il solco, il parziale aperto di 11-0 fa schiantare la Virtus e sul 30-43 dopo 16’ è timeout Bucchi. Roma spezza inerzia e parziale biancoblu con Pini e Kyzlink ma la Dinamo a cronometro fermo incrementa il vantaggio (16/20 a 2/2 la differenza ai liberi), si va negli spogliatoi con il punteggio sul 35-54.

Roma ritorna sul parquet con determinazione, il parziale di metà terzo quarto dice 14-9, il duo azzurro Vitali-Spissu fa rifiatare l’attacco biancoblu. La Virtus ci prova e lentamente risale fino al -9, l’uomo del primo tempo Stefano Gentile impattare da fuori ricacciando indietro la rimonta giallorossa (56-68). Evans è straripante (19+10 in 26’), Vitali ridà energia in un momento di appannamento, la Virtus paga il 3/18 da tre e il gap a rimbalzo, al 30’ è 62-73 Nell’ultimo quarto c’è da sudare per la Dinamo, Bucchi rimette Pini in campo che però commette il quinto fallo, Roma con le ultime energie scrive il 74-80 ma l’ex James White da sotto sbaglia il canestro del -4. Una Virtus determinata spegne il Banco minuto dopo minuto, tanti gli errori da sotto, Miki Vitali subisce fallo in attacco, Barford riporta i suoi ad un solo possesso. Al 38’ Alibegovic scrive l’84-85 ma commette il quinto fallo personale, i giganti si affidano a Evans che firma quattro punti consecutivi e cattura un rimbalzo difensivo importante. White per l’ultima speranza capitolina, Smith fa solo 1/2 dalla lunetta e a 11’’ dalla sirena Bucchi costruisce il possesso sull’86-89, infrazione di cinque secondi sulla rimessa, timeout anche per Poz, Roma commette fallo su Spissu prima e Smith poi, i play biancoblu sigillano il risultato, finisce 93-88 e la Dinamo Banco di Sardegna ritrova la vittoria in LBA condannando la Virtus alla nona sconfitta di fila.

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More