Home Altri Sport Il primo derby cagliaritano è dei Crusaders: Sirbons battuta in trasferta 28-0

Il primo derby cagliaritano è dei Crusaders: Sirbons battuta in trasferta 28-0

by Redazione

Alla fine il successo è grande: la prima sfida ufficiale tra franchigie isolane ha richiamato il pubblico delle grandi occasioni allo stadio S. Maria di Assemini

Doveva fare presa sulla gente e così è stato. La prima sfida ufficiale tra franchigie isolane ha richiamato il pubblico delle grandi occasioni allo stadio S. Maria di Assemini. Tante emozioni condensate in quaranta minuti effettivi variamente dinamici dove la polvere sollevata sulla terra battuta del rettangolo di gioco ha creato ulteriori atmosfere a cui i crociati non erano più abituati da tempo. Portano bene le nuove divise nere da trasferta (dove campeggia il main sponsor Dental Più Cliniche Odontoiatriche di Sanluri, Sassari e Roma) che specie nei primi due quarti si sono viste costantemente in avanti e spesso oltre la linea di touchdown. Si comincia molto bene, ma nel futuro immediato si farà tesoro dei punti deboli riscontrati che dovranno essere sanati prima della trasferta a Catania.

Sin dall’inizio dei riscaldamenti risalta la superiorità numerica del team ospite che annovera ben trenta giocatori (con la sola assenza del linebacker Alessandro Ortu), contro i ventitrè cinghiali sardi. L’inizio di marca crociata è travolgente. Apre le danze un irresistibile Riccardo Pili che con un gioco rapidissimo di gambe sfugge a qualsiasi tentativo di strattonamento e si dirige vittorioso verso la linea che appassiona. Il vantaggio si fa subito pesante con il contributo di Carlo Aymerich che ottimizza il delizioso suggerimento del qb Michele Meloni. Prima che il bottino venga incrementato si assiste ad un ottimo recupero dell’ovale da parte di capitan Stefanino Murgia. Poi via allo show della coppia più consolidata dell’attacco: suggerisce Michele Meloni, concretizza da affar suo Matia Pisu. Il risultato rimane sul 14 – 0 per il tentativo fallito di incremento. In cabina di regia non mancano i continui inviti a nozze, uno molto lungo e preciso non viene afferrato in maniera impeccabile da parte di Aymerich. Le discese verso la meta coinvolgono il giovane Mattia Billardello che ha l’opportunità di mostrare ai presenti le sue qualità di velocista.

Quando proprio non può farne a meno, Michele Meloni sveste i panni di assistman e si erge a risolutore individuale. E’ sua l’iniziativa che frutta altri sei punti, ulteriormente lievitati da un sempre ben appostato Matia Pisu. Il risultato viene definitivamente bloccato dall’ultimo arrivo in casa Crusaders. Il cestista ventiduenne dei Gherreris San Sperate, Felipe Brisu, dà sfoggio di velocità e presa ferrea del cuoio composito. Merito suo, ma anche del solito quarterback Meloni che sa valutare con perfetta sincronia le movenze del compagno. Dopo il rientro dagli spogliatoi la squadra in vantaggio continua ad avere la supremazia, contenendo le iniziative locali ma con l’attacco che si fa assorbire dall’ansia di dover segnare a tutti i costi. I falli commessi aumentano a dismisura ma c’è il conforto che i Sirbons non sanno approfittare della situazione anche perché la difesa solo in un paio di circostanze si è trovata in difficoltà nell’arginare qualche tentativo di corsa. Degno di nota un intercetto di Simone Romellini e l’eleganza con cui Brisu si proietta in end zone avversaria con maestosi giochi di finte eseguiti con progressioni ben ritmate.

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More