Home Calcio Gravina pensa ad una Serie C con 20 big e il ritorno alla C2

Gravina pensa ad una Serie C con 20 big e il ritorno alla C2

by Ignazio Caddeo

Secondo La Stampa il Coronavirus complica notevolmente la situazione in tanti club che potrebbero non reggere le spese anche a breve termine

Che la Serie C abbia bisogno di un netto cambiamento per sopravvivere è cosa ben nota a tutti. Purtroppo  l’emergenza legata al Covid-19 sta creando grosse problematiche anche alla terza realtà professionistica italiana del calcio, mettendo in evidenza tutte le fragilità economiche di un sistema che non riesce più a reggersi sulle proprie gambe. La palla è quindi passata nelle mani delle istituzioni, che da qualche mese si stanno trovando a fare i conti con uno dei momenti storici più complicati della storia dello sport in Italia. E la Serie C, come scrive l’edizione odierna de La Stampa,  resta uno dei punti di massima difficoltà, viste tutte le complicazioni legate agli interessi in ballo, al numero di squadre e alla debolezza economica. Ecco perché Gravina, presidente della FIGC, sta pensando di riformare dalla base il modello della C, riportando alla luce la vecchia C2, che potrebbe andare ad accogliere tutte quelle realtà che non sono in grado di sopportare il peso del professionismo dal punto di vista finanziario.

L’idea, che al momento è poco più di una suggestione, scrive ancora il quotidiano piemontese, sarebbe quella di creare una Serie C composta da 20 big, scrive La Stampa, e andare a riformare la C2, che diverrebbe un campionato semi-professionistico, e quindi più facile da sostenere per i club, nel quale confluirebbero le altre  40 società. Al momento si tratta solo di un’idea, ma i numeri danno ragione a Gravina: una Serie C a 60 squadre non è più sostenibile e il taglio delle squadre si fa sempre più urgente…

 

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More