Home Basket Dinamo, dopo i Giganti di Monte Prama è la volta dei Nuraghi di Sardegna sulla maglia

Dinamo, dopo i Giganti di Monte Prama è la volta dei Nuraghi di Sardegna sulla maglia

by Massimo Musanti
Stefano Sardara con l'Assessore Gianni Chessa e la nuova maglia

Presentata a Cagliari la nuova divisa che i sassaresi indosseranno per le Final Eight di Pesaro e l’accordo triennale con la Regione Sardegna

Più visibilità e valorizzazione al Brand Sardegna con la Polisportiva Dinamo Sassari, grazie ad un nuovo percorso di collaborazione con la Regione Sardegna e, nello specifico, con l’Assessorato regionale al Turismo. Questo è emerso nel corso dell’incontro con il presidente della Dinamo Sassari Stefano Sardara e l’Assessore Gianni Chessa che hanno presentato l’iniziativa. Un accordo che scenderà in campo già in occasione delle Final Eight di Coppa Italia in programma a Pesaro dal 13 al 16 febbraio e con il Sardinia Day, iniziativa che la società isolana, presieduta da Stefano Sardara dedica ogni anno alla Sardegna. Anche per il 2020 la compagine allenata da Gianmarco Pozzecco scenderà in campo con una maglia particolare, quella creata dall’ufficio marketing e comunicazione della Dinamo in collaborazione, ovviamente con  la Eye Sport, lo sponsor tecnico dei giganti sassarese. Una canotta speciale, con trama sarda, digitalizzazione di uno dei tipici disegni dell’artigianato tessile con i colori del logo Sardegna, che si potrà vedere già in occasione della gara d’esordio nelle finali di Pesaro contro Brindisi. Blù per quanto riguarda la colorazione scura mentre la chiara sarà di colore grigio. Sullo sfondo delle maglie e dei pantaloni anche la riproduzione delle fortificazioni nuragiche. Una sorta di unione di elementi che sottolineano l’indole guerriera della squadra sassarese.

“La Dinamo, anche quest’anno  ci sta onorando e ragalando grandi successi – ha esordito l’Assessore Chessa nel presentare l’iniziativa  – Oggi presentiamo la maglia che i nostri giocatori indosseranno in occasione delle finali di Coppa Italia, ma anche l’accordo triennale che abbiamo siglato fino al dicembre del 2021 con la società del presidente Stefano Sardara per la promozione della Sardegna. La nostra richiesta è quella di poter utilizzare i giocatori della Dinamo come testimonial  in occasione, non solo di partite ma che di importanti eventi. L’obbiettivo dell’assessorato che presiedo è quella di voler far conoscere la nostra bella Isola grazie allo sport. Credo il miglior mezzo di comunicazione che potessimo trovare. I giocatori avranno sulle maglie il rimando al sito Sardegna e all’app Sardegna grazie alle tecnologie del momento e in particolare quelle di ultima generazione come il QR Code. Un programma che sicuramente da garanzie e soprattutto consente di promuovere le nostra Sardegna grazie allo sport e ai suoi “eroi”.

I ringraziamenti di Stefano Sardara sono arrivati subito dopo:  “Volevo ringraziare l’assessore Chessa e tutta la struttura lavorativa che collabora con lui, quello che oggi rappresenta l’azione di promozione da parte dell’assessorato è una cabina di regia che dà indicazioni ai proprio partner, come noi, su cosa fare. Il turismo è la risorsa più importante che abbiamo, sappiamo che se non si comunica in maniera corretta si fa fatica a farci conoscere. Quest’Isola ha tutti i mezzi per poter crescere sotto questo punto di vista, noi saremo uno strumento per la regione. Abbiamo iniziato il nostro percorso su questo tema con il calendario Dinamo Island 2020 dedicato ai nuraghi, è un percorso conoscitivo non solo per il turista ma anche per i sardi stessi. Ora proseguiamo il percorso, in occasione della Final 8 di Coppa Italia ci siamo spinti oltre realizzando una maglia che riportasse gli elementi principali della comunicazione intrapresa: i nuraghi, la trama sarda e i colori del brand Sardegna”.

IL TWEET DELLA DINAMO SULL’EVENTO

LA FOTOGALLERY DI ISOLA24SPORT

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More