Home Calcio COVID: il Calcio a 5 sardo in difficoltà. Il taglio fondi della Regione mette a rischio il proseguo della stagione

COVID: il Calcio a 5 sardo in difficoltà. Il taglio fondi della Regione mette a rischio il proseguo della stagione

by Redazione
Cagliari Futsal

I Club sardi alla Regione: riveda la sua decisione

La stagione 2020/2021 si conferma molto difficile per il futsal sardo e per il suo prossimo futuro. Perché alla pandemia Covid, che sta già compromettendo parte della stagione dei campionati di calcio a 5, si è aggiunto un nuovo grande ostacolo per le società isolane che militano nei campionati nazionali: il taglio dei fondi pubblici da parte della Regione di circa il 50% di quanto previsto a inizio anno. Una decisione che acuirà la già profonda crisi delle compagini che stanno combattendo, tra mille difficoltà, per proseguire la stagione sportiva.

LA PROTESTA. “Questa decisione, assunta dall’Esecutivo regionale, rappresenta una mazzata per tutti noi e mette a serio rischio il proseguo della stagione per molte società” dice Marco Vacca, presidente del Cagliari Futsal, parlando anche a nome di altre 14 squadre sarde di tutta la Sardegna, da nord a sud dell’isola, iscritte ai campionati nazionali, maschili e femminili.
“Erano soldi già stanziati e previsti per quest’anno dalla Regione – ricorda Vacca – fondi di cui le società hanno tenuto conto per i loro bilanci in sede di programmazione annuale. L’ingente taglio del finanziamento porterà, ora, molte realtà a rivedere completamente le proprie strategie per il proseguo dell’anno sportivo. Alcuni club stanno già tagliando, tra staff e giocatori, ma sono a serio rischio anche altri investimenti già fatti”, sottolinea ancora il presidente Cagliari Futsal.

Intanto a fine anno qualcosa si è mosso con un intervento di legge e una previsione di stanziamento alle associazioni sportive per la partecipazione ai campionati federali nazionali di maggior rilievo ma “nell’intervento non è chiaro chi avrà diritto dei fondi, in quale misura e soprattutto quando arriveranno nelle casse delle società – precisa Vacca – perché se è vero che i soldi fanno sempre comodo, i tempi per l’erogazione sono ancora più importanti. Chiudere la stalla quando i buoi sono già fuggiti non è di nessun aiuto”.

TRASPORTI. Una situazione che si somma alle altre difficoltà che stanno colpendo tutti i club dilettantistici del Futsal sardo a cominciare dai trasporti. “I protocolli di contenimento della pandemia prevedono che se anche un solo componente del gruppo squadra risulta positivo al virus, si rinvia il match, anche se la squadra è già partita per l’eventuale trasferta – precisa Vacca – questo vuol dire perdere i soldi investiti nella trasferta e dover affrontare nuovamente i costi della gara rinviata che deve essere recuperata in un secondo momento, sempre che non si ripeta il problema”, spiega ancora il presidente Cagliari Futsal.

“Nel migliore dei casi, poi, se la squadra non è ancora partita, deve fronteggiare la perdita dei biglietti aerei già acquistati perché non rimborsabili. Una situazione che, sommata agli altri costi delle trasferte rinviate tra pernottamenti in hotel e gli altri spostamenti sul territorio nazionale (bus o treni), fa capire la portata del problema”.
“Ecco perché
– conclude Vacca – il sostegno pubblico, già comunque previsto a inizio anno sportivo, rappresenta un importante introito per fronteggiare le stagioni sportive. Chiediamo, quindi, che la Regione tenga conto di questi problemi e riveda la propria decisione”.

Fonte: Ufficio Stampa Cagliari Futsal

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More