Home Calcio 1-0 all’Atletico Uri: il Carbonia vince la Coppa Italia

1-0 all’Atletico Uri: il Carbonia vince la Coppa Italia

by Redazione

Al Centro Federale Tino Carta di Oristano decide una rete di Meloni dopo 14 minuti di gara.  Tabù sfatato per i minerari. Prosegue l’incubo per i sassaresi

Il Carbonia si aggiudica per la prima volta nella sua storia la Coppa Italia di Eccellenza, la squadra allenata da Andrea Marongiu ha sconfitto nella finale giocata al campo del Centro Federale “Tino Carta “ di Oristano l’Atletico Uri col risultato di 1-0. I minerari sfatano così quello che era diventato una sorta di tabù, visto che nelle tre precedenti occasioni in cui erano giunti all’ultimo atto (una sempre in Coppa Italia di Eccellenza, due in quella di Promozione) erano stati sconfitti ai calci di rigore da Portotorres, Bosa e Dorgalese. Per l’Atletico Uri continua invece  la maledizione (terzo ko nelle ultime quattro edizioni ), la gara ha visto il Carbonia approcciare meglio rispetto agli avversari e prima Figos e poi Sariang creano problemi  nella difesa urese nei primi sei minuti del match. L’undici di Massimiliano Paba va vicino al gol al 10’ con un colpo di testa di Fadda sugli sviluppi di un calcio d’angolo, con la palla che passa molto vicina al palo alla destra del portiere sulcitano Fortuna. Al 14’ arriva la rete che si rivelerà decisiva: Sariang pennella un perfetto cross a centro area dove Giuseppe Meloni colpisce splendidamente di testa e infila la porta difesa da Pittalis. I minerari insistono e Figos al 30’ sfiora il palo con una conclusione da dentro l’area. Al 45’ l’Atletico Uri va molto vicino al pareggio, quando su un cross di Olmetto smanacciato da Fortuna, Scognamillo colpisce di testa ma Luigi Pinna ben appostato respinge sulla linea. Nel secondo tempo gli uresi aumentano la pressione alla ricerca del pareggio, e al 9’ Calaresu ancora di testa manda la palla di poco a lato.

Il Carbonia  intuisce il pericolo e riprende ad attaccare alla ricerca del gol della sicurezza con una certa insistenza. Al 14’ Meloni di sinistro costringe la difesa sassarese ad una non semplice respinta, al 23’ Sariang fallisce incredibilmente il raddoppio quando tutto solo davanti a Pittalis manda la palla alta sopra la traversa. Al 27’ ancora Meloni in evidenza:  perfetta parabola di testa dell’attaccante ex Torres che costringe il portiere avversario a togliere la palla dall’incrocio dei pali. Al 30’ opportunità per Sariang che però si fa ipnotizzare dall’estremo difensore sassarese al momento di cercare la conclusione vincente. Un minuto dopo è Scognamillo a farsi vivo ma il suo tentativo finisce a lato, al 38’ ancora uno scatenato Meloni protagonista quando con una perfetta conclusione di destro a giro sfiora l’incrocio. Al 44’ sempre Meloni, messo in azione da Cordeddu, viene anticipato all’ultimo istante da Pittalis. Ultima opportunità al 92’ per Scognamillo ma senza esito. Tirando le somme e guardando soprattutto il numero complessivo  delle occasioni avute,  si può dire come il successo del Carbonia sia più che legittimo, una squadra che ha i numeri e soprattutto il potenziale per fare molta strada anche nella fase nazionale. A proposito si sa già il nome dell’avversario che i minerari affronteranno nel primo turno in programma il 26 febbraio, si tratta dei laziali del Real Monterotondo, da stabilire chi giocherà la gara di andata in casa.

STEFANO SERRA

You may also like

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More